Antonio Labriola

Labriola A.

“Uno psicologo con la testa in cucina”. Mi piace definirmi cosi, le mie due passioni (anche se ne ho molte altre) cucina e psicologia le ho sempre seguite e coltivate contemporaneamente. Credo che la cucina sia un’amica, una confidente con la quale ho la libertà di parlare sinceramente e attraverso la quale posso esprimere parte di me. La cucina per me è qualcosa che nasce sin da piccolo con i ricordi dei pranzi domenicali dalla nonna (che credo molti condividano come ricordo) che ero solito aiutare e “disturbare” assaggiando quello che c’era in pentola. Da li in poi è una lunga storia che vi racconterò un piatto alla volta…

 

Roberta Scarpitti

_LCA0388

Sono cresciuta tra l’Abruzzo e il Molise, cullata dalla brezza marina del mare di Pescara e l’ombra delle montagne di Carovilli. Appassionata da sempre dal perché alcune cose accadano o si sviluppino, decido di laurearmi in Biologia e Tecniche di laboratorio. La mia curiosità però mi porta ad avvicinarmi al mondo della cucina ed alla chimica che vi si “nasconde” dietro. Mi trasferisco a Torino per lavoro e decido di frequentare un corso professionalizzante sull’arte bianca presso il Gambero Rosso, poi decido di farmi le ossa presso alcuni panifici e alcune pizzerie di Torino, per poi essere chiamata a gestire il reparto di panificazione e pizzeria di un locale di nuova apertura. Durante un evento incontro Antonio Labriola e nasce il sodalizio lavorativo che ci ha portati a sviluppare il progetto Cooklab (che opera su Torino e non solo), creazione eventi, showcooking, consulenze, chef a domicilio, e corsi di cucina. Per me lavorare con l’impasto è come prendersi cura di qualcosa di vivo, a cui bisogna dedicare tempo ed attenzione, ogni lievitato ha una sua storia, è figlio del suo “creatore” che in lui ripone tutto il suo amore e sapere. Vi dirò altro di me uno spicchio alla volta…

Share on FacebookTweet about this on Twitter